Ricordiamoci di noi!

2010 | Percorso educativo, Videoproduzione

Percorso sull’invecchiamento attivo

Regia: Marilisa Calò (58 minuti)
Produzione: AEB COMUNICAZIONE con coop. sociale Nuova Socialità onlus
Montaggio: Maria Valerio
Organizzazione: Mariani Raffaella
Conduzione laboratorio: Marilisa Calò, Carlotta Mattiello
per coop sociale NUOVA SOCIALITÀ ONLUS

Ricordiamoci di noi è un percorso artistico-educativo con valenze socio-terapeutiche realizzato da AEB per coop. sociale NUOVA SOCIALITA’ onlus e il Municipio Roma XII (ex XVI) sull’interazione collaborativa e l’invecchiamento attivo. Realizzato in due anni 2009 e 2010 prevedeva:

– percorsi artistico-educativi
– la produzione di un video partecipativo
– un evento pubblico con proiezione del filmato e condivisione dei risultati della ricerca
Ricordiamoci di Noi! quindi è anche un documentario creativo (58 minuti) che racconta un viaggio attraverso il tempo nelle vite di alcuni componenti della compagnia teatrale mista “La Torre” fondata nel 2007 dall’ass. AEB. Un gruppo misto di anziani, diversamente abili, stranieri, bambini e operatori sociali si incontra per un laboratorio espressivo che permetta loro attraverso danza, teatro, video e musica di raccontare le loro vite personali.
In un viaggio nel tempo, che dal racconto della Sicilia di inizio ‘900 di una ultranovantenne giunge fino alla prima volta in montagna nel 2006 di un bambino di 10 anni, la narrazione si sviluppa passando per la Roma del dopoguerra con i suoi intellettuali raccontati da Cleopatra un’elegante novantenne piena di memorie, per la drammatica esperienza delle guerriglia colombiana negli occhi di Patricia, la sua badante, per la storia d’amore di due cinquantenni rimasti adolescenti per finire alla famiglia “a quattro zampe” dell’operatrice sociale, single amante degli animali, che condivide il percorso con il gruppo.
I racconti si fondono tra loro formando un’unica grande esperienza di vita, che dimostra come ogni passaggio di crescita valga la pena di essere vissuto come occasione di condivisione con gli altri e conoscenza di sé.
I partecipanti al percorso diventano “Souvenir” di loro stessi narrando agli altri di sé.
Come nei viaggi educativi e culturali dei viaggiatori inglesi, francesi e tedeschi dal ‘600 all’800 a Roma ci si faceva ritrarre davanti alle rovine romane per portare in patria il proprio ritratto, così i “nostri viaggiatori” nel tempo, ripercorrono se stessi danzando, costruendo storie da proiettare, mettendosi in posa per foto-ricordo autoironiche, riproponendo foto antiche in bianco e nero, a colori sbiaditi o sgargianti da anni ’70, consolidando nella memoria l’esperienza del proprio sentiero di vita, e riportando a casa il dvd di “Ricordiamoci di noi” come ritratto di sé.
Racconto corale sull’identità, la struttura narrativa alterna le esperienze di vita ai laboratori in cui ciascun partecipante fa emergere il proprio specifico canale espressivo; chi la poesia, chi la danza o il teatro, chi la musica.
Dal punto di vista tecnico, il filmato girato in digitale usa come propria cifra stilistica l’utilizzo di materiali anche di qualità tecnica differente: da foto realizzate durante le riprese da una fotografa professionista, a polaroid degli anni ’70 di documentazione del ricordo di un campeggio importante, foto d’epoca in bianco e nero, interviste parlate o anche “mute”, a seconda dell’età e della capacità di chi viene intervistato….
Il montaggio volutamente lento e disteso permette di riflettere sulla ricchezza delle emozioni di una vita.
In un clima intimo e fuori dal tempo, si sperimenta una forma dialogo sostenibile tra gli esseri umani basata sull’accettazione della diversità, dell’identità dell’Altro come dono, valorizzando il pensiero condiviso dai partecipanti che “la rivoluzione umana di ogni singolo individuo può contribuire al cambiamento di tutta la società”.
Un ultimo “Ricordo di sé”, il video stesso di documentazione creativa del percorso fatto insieme, durato oltre un anno e mezzo, tra gioie e dolori dei componenti del gruppo, che grazie al film aggiungono alle loro memorie un altro “Souvenir”, a testimoniare la continuità tra passato e presente nella linea della vita.

Share This
X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più, leggi la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi